Alessio Luciani a Pisanews: “Gara difficilissima. Pisa forte ma noi daremo tutto. La società nerazzurra mi aveva cercato ai tempi della serie D”

PISA – Alla vigilia della gara contro il Gubbio la nsotra carrellata di interviste prosegue con il forte terzino eugubino Alessio Luciani. In realta Luciani nasce come difensore centrale. A lanciarlo nella sua attuale posizione, il mister ex Livorno Davide Nicola, che ha avuto a Lumezzane il promettente difensore, ha anche esordito in Champions League.

Grazie, Alessio di aver accettato l’invito di Pisanews: vuoi presentarti ai nostri lettori?

“Certamente, io provengo dall’Avezzano Calcio e da lì in seguito,sono approdato nel settore giovanile della Lazio, dove ho fatto tutta la trafila, arrivando in Primavera. Poi ho esordito in serie A con la prima squadra ed ho disputato una partita di Champions League,contro la squadra bulgara del Sofia. Poi sono andato a Lumezzane, dove sono stato per due campionati di serie C (2010-11 e 2011-12)ed ho avuto come Mister Davide Nicola”.

Sento dal tono di voce che parli con entusiasmo dell’ex mister del Livorno,che cosa ti ha trasmesso?

“L’allenatore Nicola lo sento spesso e gli sono veramente riconoscente, mi ha dato tanto. Ti dico subito che quando vedo Antonio Conte è come se vedessi Davide Nicola”.

A Lumezzane c’è qualche ex nerazzurro tipo Amedeo Benedetti, Gael Genevier e Mirko Gasparetto, li hai conosciuti?

“Io ho giocato insieme a Mirko Gasparetto, che ora è vice-allenatore della squadra bresciana, Amedeo Benedetti invece,è arrivato quando io ero già andato via cosi come Genevier”.

20140913-145720.jpg

ALESSIO LUCIANI (foto tratta da emozionicalcio.it)

Parliamo della partita di domenica prossima all’Arena Anconetani dove affronterete il Pisa: cosa conosci della squadra di Mister Braglia?

“Anzitutto, ti posso dire tranquillamente che il Pisa non c’entra nulla con la Lega Pro ed io penso anche che la B gli spettava di diritto. Adesso sicuramente andranno ad affrontare un campionato duro anche se loro hanno un gruppo di giocatori esperti a cominciare da Paci, Lisuzzo, Morrone, Napoli, Pellegrini e Filippo Costa. in quanto già incontrati da avversari”.

Quindi siete preoccupati ad affrontare questo Pisa?

“Ripeto, loro sono senza dubbio esperti,e noi dovremo essere attenti ad ogni particolare. Siamo una squadra che fa della corsa la sua forza, sappiamo che non sarà facile, ma noi cercheremo di riscattare la sconfitta interna subita domenica con la Lucchese. Inoltre la città di Gubbio ci è vicina e noi vogliamo ripagare la tifoseria eugubina di questo attaccamento nei nostri confronti”.

Cosa è che non è andato per il verso giusto contro la Lucchese?

“Non è andato bene niente, non siamo riusciti a vincere un contrasto contro una squadra, quella rossonera,che ha le stesse nostre caratteristiche e che ha attuato un bel gioco. Inoltre loro sono stati umili e fiduciosi nei propri mezzi. Che dirti!? Per fortuna è successo ora all’inizio,in modo chè ci sarà tutto il tempo per riscattarsi”.

Vuoi illustrare ai lettori le tue caratteristiche tecniche?

“Sono nato come difensore centrale, ma ormai sono tre anni che gioco come terzino destro grazie appunto a Davide Nicola ex terzino destro, che mi ha voluto adattare in quel ruolo, insegnandomi tutte le caratteristiche che deve avere un terzino destro”.

Altre cose da ricordare in questa tua carriera?

“L’esperienza di Salerno dove ho passato due anni belli con Mister Perrone”.

Ed ora sei qui a Gubbio..

“Si il Gubbio mi ha voluto fortemente, sono giunto in Umbria da svincolato, in quanto la Lazio non mi ha rinnovato il contratto. Conosco poi altri ex nerazzurri che erano alla Lazio con me come Andrea Sbraga, ora alla Carrarese,e Luca Crescenzi, quest’anno nella Reggina. Infine vorrei aggiungere un’ultima cosa..”

Prego,Alessio…

“Il Pisa, quando vinse il campionato di serie D nel 2009 e fu ammesso alla serie C/1 mi aveva cercato, tramite Piero Camilli, per portarmi a giocare sotto la Torre, però non potetti accettare perchè l’allenatore delka Primavera Laziale, Roberto Sesena, mi aveva messo al centro di un progetto come capitano della squadra biancoazzurra”.

By